Il corpo ad alta quota: rimedi per semplici fastidi che insorgono durante il volo

In Area Funzionale, news by Deborah

Le tanto attese e meritate vacanze si avvicinano sempre di più e molti di noi, per raggiungere le loro mete, dovranno affrontare lunghe trasferte. Sebbene il viaggio sia già parte dell’esperienza, l’idea di passare molte ore in aereo, piuttosto che in auto o in treno, per tante persone rappresenta motivo di disagio.

Cosa accade al nostro corpo ad alta quota?

Nei viaggi aerei il nostro corpo subisce alcune variazioni, che vengono poco tollerate se la nostra Salute non è in equilibrio.

In cabina l’aria viene mantenuta sotto controllo con precise temperature e con bassissima umidità (25%), che comporta una maggiore secchezza di occhi, naso e gola.

Inoltre, la pressione dell’aria subisce variazioni, specialmente durante la fase di decollo e di atterraggio. Ad alcuni passeggeri potrebbe capitare di provare la sensazione di avere le “orecchie tappate” o fastidio a naso, gola ed orecchie. Le forti pressioni possono modificare momentaneamente quelle delle membrane interne al nostro corpo. Per questo motivo è consigliato masticare, deglutire o soffiare il naso durante queste fasi di volo.

La pressione inoltre agisce sulla circolazione, rendendo difficile il riassorbimento dei liquidi, causando per questo gonfiore, soprattutto alle gambe. Per chi soffre di problemi circolatori si può ricorrere alle calze a compressione graduata, prescritte dal medico o consigliate dal farmacista di fiducia, a seconda dell’importanza della problematica. Dei gambaletti con la stessa funzione sono venduti anche nei negozi di molti aeroporti.

E’ sempre sconsigliato mantenere una posizione troppo a lungo. L’immobilità può causare contratture e dolori muscolari, oltre che ai già citati gonfiori. Per questo è utile cambiare posizione, fare dello stretching e alzarsi, ogni tanto, se possibile.

Le terapie manuali ci aiutano a prevenire alcuni disagi

È fondamentale sapere che un corpo in salute è meno sottoposto a questi disturbi. Le terapie manuali sono in grado di preparare il fisico ad affrontare al meglio queste situazioni, nelle quali viene sottoposto a stress.

Delle sedute preventive di massaggio, drenaggio o di osteopatia possono mettere il corpo in condizioni di equilibrio e consentire di goderci la vacanza, fin dal primo minuto, dimenticando caviglie gonfie e cervicali doloranti!

Qualche semplice esercizio per alleviare i più comuni disagi

Alcuni semplici esercizi migliorano la circolazione e rilassano la muscolatura, rendendo il nostro viaggio più piacevole.

Si consiglia di ripeterli secondo necessità; si possono eseguire da seduti, senza disturbare gli altri passeggeri:

  1. rotazione delle caviglie: fate ruotare il piede, a destra e sinistra
  2. con il piede in appoggio, spingete sulle punte
  3. seduti e piegando le gambe, portate le ginocchia verso il petto
  4. spalle rilassate, fatele ruotare, in senso orario e antiorario
  5. stretching del collo 1:  ruotate lentamente la testa
  6. stretching del collo 2: piegate lentamente il capo verso destra e sinistra / in altro e basso, mantenendo la posizione per qualche secondo
  7. unite le mani e portatele sopra la testa; a braccia teste spingete verso l’alto, mantendo la posizione per qualche secondo

Buon viaggio a tutti!

HOLOS by CSTM di Elisa Bernacchi – docente e terapista CSTM – Diplomata in Massaggio del tessuto connettivo e in Drenaggio linfatico manuale

Scopri altri HOLOS, e-magazine informativo, e iscriviti alla newsletter per ricevere tante notizie su argomenti di qualità provenienti dal vasto mondo delle terapie complementari!

0/5 (0 Reviews)

Condividi questo articolo